Estratto del documento n° 18194/7618 Rep. depositato, in data 8 aprile 2008, negli atti del notaio Giuseppe Gallizia iscritto presso il Collegio Notarile di Milano.

Art.1: Denominazione e Sede
E’ costituita ai sensi dell’art.36 cod.civile un’associazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (onlus) ai sensi e per gli effetti del DL. 460/97 sotto la denominazione di “Amici Casa della carità” Onlus.
La sede legale e operativa è in Milano all’indirizzo determinato in base a specifica delibera assembleare.

Art.2: Scopo
L’Associazione non ha fini di lucro e ha lo scopo di perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale, assistenza sociale, socio sanitaria e beneficienza.
L’Associazione potrà inoltre assumere ogni iniziativa ritenuta necessaria ed opportuna per meglio raggiungere i propri scopi.
Potrà svolgere tutte e soltanto le attività connesse al proprio scopo istituzionale, nonché tutte le attività accessorie, in quanto ad esse integrative, purché nei limiti consentiti dalla legge.

Art.3: Durata
La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato.

Art.4: Soci
Sono soci dell’Associazione le persone e gli enti la cui domanda di ammissione verrà accettata dal Consiglio di Amministrazione e che verseranno, all’atto dell’ammissione, la quota di Associazione stabilita dallo stesso Consiglio. I Soci si distinguono in quattro categorie:
a)Soci Fondatori – colore che hanno partecipato alla costituzione dell’Associazione
b)Soci Sostenitori – coloro che contribuiscono in modo rilevante all’attività dell’Associazione mediante il versamento di una quota associativa fissata dal consiglio di amministrazione
c)Soci Ordinari – coloro che contribuiscono all’attività dell’Associazione mediante il versamento in denaro di una quota associativa annua fissata dal consiglio di amministrazione
d)Soci Onorari – colore che per il loro particolare prestigio possono contribuire allo sviluppo dell’Associazione.
La qualità si perde per decesso, dimissioni e per grave morosità o indegnità. La grave morosità o la indegnità verranno sancite dall’Assemblea dei soci e dal Consiglio.

Art.5: Patrimonio Sociale
Il Patrimonio sociale è costituito dai beni mobili e immobili che diventeranno di proprietà dell’Associazione, da eventuali Fondi di riserva costituiti con eccedenze di bilancio, da eventuali erogazioni, donazioni, lasciti.
Le entrate dell’Associazione sono costituite dalle quote associative, dal ricavato dell’organizzazione di manifestazioni o partecipazioni ad esse, da ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’Attivo Sociale come, per esempio, fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche occasionali anche mediante donazione ed offerte di beni di modico valore, contributi corrisposti da Enti e amministrazioni pubbliche, per lo svolgimento di attività aventi finalità sociali.
E’ vietata la distribuzione di utili o avanzi di gestione, nonché di capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che tale distribuzione sia imposta dalla Legge. In caso di scioglimento dell’Associazione, per qualunque causa, il patrimonio sarà devoluto al Ramo-Onlus della Fondazione Casa della carità, salvo che diversa attribuzione sia imposta dalla Legge.

Art.6: Assemblee
…I soci sono convocati in Assemblea almeno una volta all’anno mediante comunicazione scritta, diretta a ciascun socio, contenente l’Ordine del giorno almeno 15 giorni prima di quello fissato per l’adunanza… Ogni socio ha diritto a un voto… I soci possono farsi rappresentare da altri soci… L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio o, in caso di sua assenza, da un socio nominato dall’Assemblea… Delle riunioni dell’assemblea si redige il processo verbale firmato dal Presidente e dal segretario… Le assemblee sono validamente costituite e deliberano con maggioranze previste dall’art.21 c.c.

Art.7: Consiglio d’Amministrazione
L’associazione è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composta da un minimo di 5 membri a un massimo
di 9 eletti dall’Assemblea dei soci per la durata di tre anni… Nessun compenso è dovuto al Presidente né agli altri membri… Il Consiglio si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o che ne sia fatta richiesta dalla maggioranza dei membri e comunque una volta all’anno per deliberare in ordine al Bilancio Consuntivo e all’ammontare delle quote sociali… Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza della maggioranza dei Consiglieri e in caso di parità prevale il voto del Presidente o di chi lo presiede…

Art.8: Segretario-Tesoriere
Il Segretario Tesoriere, nominato dal Consiglio di Amministrazione nell’ambito dei suoi membri, assiste gli organi dell’Associazione e su mandato del Presidente cura l’attuazione delle relative deliberazioni. Provvede alla tenuta dei conti e ne predispone il Bilancio che il Consiglio d’Amministrazione sottoporrà all’Assemblea non oltre il 30 Aprile dell’anno successivo a quello di cui trattasi…

Art.9: Scioglimento
Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea, la quale provvederà se del caso alla nomina di uno o più liquidatori e delibererà alla devoluzione dell’eventuale patrimonio a favore del Ramo-Onlus della Fondazione Casa della carità.

Clicca qui per consultare il documento integrale nell’allegato pdf

Annunci