È stato firmato oggi, martedì 14 dicembre, il Patto di collaborazione tra Comune di Milano, Municipio 2, la scuola Primaria Statale “Vittorio Bottego”, realtà locali e abitanti del quartiere, per la rigenerazione condivisa dei Giardini di via Amalfi, attraverso la creazione e la cura di un orto collettivo, l’organizzazione di attività aggregative e culturali e l’organizzazione di attività di didattica all’aperto. 

Contestualmente, è stato inaugurato il passaggio pedonale che collega la scuola di via San Mamete ai Giardini, attraverso la consegna delle chiavi per aprire e chiudere il cancello, da parte della società comunale MM ai Nonni Amici, attivi con il servizio di Pedibus. 

L’apertura del passaggio è stata inserita come attività in prospettiva del Patto di collaborazione di “Porta Adriano”, di cui fa parte anche Amici Casa della carità, che individua in piazza Costantino un luogo di cui prendersi cura attraverso attività di pulizia, eventi culturali, momenti aggregativi, nonché spazio utilizzato per esperienze di didattica all’aperto. Il Patto è frutto di un percorso partecipato promosso dall’Amministrazione nell’ambito del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo, nel quale si è inserita l’azione di Labsus-Laboratorio per la sussidiarietà e Italia Nostra – Centro di Forestazione Urbana, al fine di coinvolgere gli abitanti dei contesti fragili nella riattivazione e rigenerazione di spazi abbandonati. 

Obiettivo di questa collaborazione è dare vita a un luogo dove spirito civile, cultura e sport convivano, per offrire alla cittadinanza uno spazio nuovo che promuove l’incontro, l’aggregazione e la coesione sociale di giovani e famiglie. Tra le attività previste vi sono la gestione di un orto collettivo all’interno dell’ex bocciofila, l’organizzazione di laboratori, lezioni, attività ludiche ed eventi in ambito culturale e artistico, utilizzando il giardino come una vera e propria aula per la didattica all’aperto.  

Le bambine e i bambini, insieme ai cittadini e con il supporto di Italia Nostra, si prenderanno cura dello spazio e promuoveranno una gestione sostenibile del verde attraverso il riutilizzo di materiale vegetale in eccesso (come le foglie autunnali), trasformato in compost, utile per la coltivazione dell’orto in una logica di economia circolare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...